Sapone all’Olio d’Oliva e Burro di Cacao

Un bel sapone bianco candido con una leggera fragranza di latte che rimanda all’idea di una pulizia soft e molto delicata. Infatti questo sapone è composto per la maggior parte di olio di oliva con una piccola aggiunta di burro di cacao per renderlo più ricco e più duro e un po’ di olio di ricino per assicurare una leggera schiuma.

Lo sconto della soda applicato è del 5% perché ai saponi con tanto olio d’oliva voglio assicurare una lunga stagionatura (almeno 3 mesi) per limitare la bavetta ed evitare che si esauriscano subito. Ne risulta un sapone straordinariamente ricco e nutriente che lascia le pelle molto morbida e idratata. Pochi ingredienti ma ben scelti come l’ olio di oliva, potente antiossidante ed emolliente mentre il burro di cacao è riparatore e utile in caso di secchezza o irritazioni. Anche l’olio di ricino oltre a garantire il minimo della schiuma è estremamente nutriente grazie alla sua composizione unica (acido ricinoleico tra l’80 e il 90%). Non bisogna mai eccedere con il burro di cacao perché oltre il 10% della formula potrebbe risultare irritante. Lo stesso per l’olio di ricino (consigliato entro 5-8%).

Ho utilizzato sodio citrato e sodio lattato nella fase acquosa e ho inserito l’oleoresina di rosmarino negli oli per limitare l’irrancidimento. L’oleoresina di rosmarino purtroppo porta i colori verso l’arancio anche con un solo minuscolo grammo e dato che l’olio di oliva già fornisce una base gialla verdastra, ho inserito il biossido di titanio per portare la pasta verso il bianco-panna. Ricordo che il biossido di titanio va stemperato in un po’ d’olio molto bene con molta pazienza, possibilmente con un montalatte e filtrandolo al momento di inserirlo nei grassi perché è davvero difficile incorporalo senza grumi. So che esistono preparati per colorare i saponi che risolvono il problema , ma così si perde il gusto di fare davvero un bel sapone naturale home-made!

Ho aggiunto la fragranza dopo averla miscelata in un cucchiaio di amido di mais (circa 15g perché non amo le profumazioni troppo intense). La fragranza “Latte” è di Manske ed è indicata per saponi (controllate sempre che sia compatibile con la saponificazione)

Dal momento che non dovevo colorare ulteriormente la pasta o fare lavorazioni ho potuto miscelare la soda e i grassi a temperatura un po’ più alta del solito (accorciando leggermente i tempi). I liquidi con la soda erano a 36° mentre i grassi erano appena scaldati a 30°.

Ho inserito la pasta nello stampo e l’ho messo a riposare avvolto in una coperta di lana in una stanza a 20° fino al giorno successivo. Poi l’ho scoperto e senza ancora toglierlo dallo stampo ho atteso ancora un paio di giorni per l’estrazione. I saponi all’olio d’oliva sono molto morbidi appena fatti ed è meglio attendere qualche giorno in più per estrarli o tagliarli piuttosto che deformare la barra. Al taglio dopo 5 giorni era perfetta e le fette di sapone sono risultate ben solide e integre.

Largo quindi ad una lunga stagionatura prima di godere di questa dolce coccola di sapone.

Salva

Salva

Salva

Salva

Un pensiero su “Sapone all’Olio d’Oliva e Burro di Cacao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *